Pubblicazioni di matrimonio: come funzionano

Questo giorno speciale deve essere sempre preceduto dalle pubblicazioni di matrimonio.

A cosa servono le pubblicazioni di matrimonio ?

Con le pubblicazioni di matrimonio, la coppia annuncia pubblicamente le proprie nozze e serve ad accertare che gli sposi siano idonei rispetto alle leggi, sia civili che religiose (nel caso di matrimonio in chiesa). La pubblicazione sarà affissa per otto giorni nell’albo pretorio del Comune di residenza della coppia, oltre a ad ulteriori quattro per eventuali opposizioni. Passati i tredici giorni, il matrimonio deve essere celebrato entro 180 giorni, sia esso civile che religioso, pena la decadenza delle stesse.

I requisiti per fare la richiesta di pubblicazione

Prima della richiesta delle pubblicazioni di matrimonio, i due futuri sposi devono possedere alcuni requisiti essenziali: stato libero; non legati da parentela; maggiorenni o se minorenni aver compiuto sedici anni con autorizzazione del Tribunale dei Minorenni; nulla osta del proprio Stato in caso di stranieri.

Dove fare le pubblicazioni

Le pubblicazioni di matrimonio devono essere fatto presso lo Stato Civile del comune di residenza di ambedue gli sposi. Se uno dei due sposi è quindi residente in un altro comune o risiede da meno di un anno, bisogna accertarsi che le pubblicazioni vengano pubblicate in tutti e due i Comuni. E necessario recarsi con un testimone ed un genitore (se vivi) al fine di confermare lo stato di non parentela.

Documentazione da portare

Per pubblicare bisogna portare presso l’ ufficio di Stato Civile i seguenti documenti: documenti d’identità in corso di validità; certificati di residenza, cittadinanza e stato civile; eventuali certificati di divorzio o di morte; modulo di versamento tasse (da prendere direttamente in Comune); marche da bollo e nel caso di matrimonio religioso Il nulla osta rilasciato dalla parrocchia.

Se si vuole effettuare il rito religioso

Bisogna rivolgersi al parroco in quale vi informerà delle formalità da espletare e l’elenco dei documenti da produrre che sono: Certificati di battesimo e Cresima; certificati di Stato libero ecclesiastico; Attestato partecipazione corso prematrimoniale; nulla osta ecclesiastico.

Il parroco, verificherà la correttezza del tutto, e rilascerà la richiesta di pubblicazione da presentare in Comune. Sarà quindi a cura del parroco la relativa pubblicazione ecclesiastica, che deve rimanere affissa per otto giorni comprendendo all’interno due domeniche.

Tempistiche consigliate

Visto l’iter, il tempo minimo consigliato è di almeno due/tre mesi, al fine di reperire i documenti, fissare i vari appuntamenti con il Comune e con il parroco (per il rito religioso) ed ovviare a qualsiasi eventuale intoppo che potrebbe avvenire a livello burocratico.

Related Posts

One thought on “Pubblicazioni di matrimonio: come funzionano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.